Pubblicato in: Classici, Letteratura, Letteratura francese, Libri, Novecento, Parigi, Recensioni

Interrogativi senza risposta

NadjaRecensione di Nadja di André Breton

Einaudi, Nuovi coralli 188, 1985

Libro complesso, da leggere con attenzione, Nadja ci riporta ai grandi dibattiti culturali che tra le due guerre mondiali riguardarono il rapporto tra arte e società, tra arte e realtà, che fu il motivo stesso della nascita del movimento surrealista.
La protagonista è infatti palesemente una metafora, o meglio rappresenta una serie di metafore: della realtà quotidiana (è oppressa da debiti), della libertà intellettuale (si presenta sempre diversa ad ogni incontro con Breton), della trasfigurazione artistica (disegna, commenta poesie, chiede a Breton di scrivere un libro su di lei). Nadja è anche l’inizio della parola russa che significa speranza: ne è solo l’inizio, però, ed infatti la speranza (di un mondo migliore?) non si concretizzerà, e Nadja finirà in manicomio.
Breton ammette onestamente i suoi limiti nel rapportarsi con Nadja: è come se l’artista, il grande intellettuale surrealista che si interrogava circa il suo ruolo nella società ammettesse, già nel 1927, il suo fallimento. Infatti, il grande interrogativo posto all’inizio del libro (Chi sono io?) diventa ancora più drammatico alla fine (Chi vive? Sei tu, Nadja? E’ vero che l’al di là, tutto l’al di là è in questa vita? Non ti sento. Chi vive? Sono io solo? Sono io?). L’artista ha incontrato Nadja, ma l’ha perduta, non è stato capace di capirla e di sentire ciò che aveva da dire.
In questo senso anche la feroce critica di Breton alla società, sotto forma di critica alla psichiatria del tempo, che mira solo a isolare la diversità, appare quasi una scusa, un pretesto rispetto all’inadeguatezza dell’artista. L’autore cerca di rimediare a questa inadeguatezza con la forma della scrittura, associando allo scritto fotografie e disegni che gli permettano una maggiore immediatezza, ma tutto questo è palesemente un palliativo.
Breton, come detto, è pienamente consapevole dei limiti della funzione sociale dell’arte, e sa che il cambiamento potrà venire solo dalle forze materiali della società, che l’arte potrà accompagnare e descrivere, se ne sarà capace, ma non guidare. Questa consapevolezza è riassunta nella sintesi totalizzante della meravigliosa chiosa del libro, giustamente citata da molti anche in queste recensioni, e che potrebbe essere uno slogan del maggio ’68:
La bellezza sarà CONVULSA o non sarà.

La vicenda di Nadja è preceduta da una cinquantina di pagine di riflessioni di Breton, che consiglio di rileggere dopo avere letto una prima volta tutto il libro, perché divengono illuminanti. Non mi ha convinto, invece, perché criptica e secondo me autocompiaciuta, la nota finale di Lino Gabellone.

Annunci

Autore:

Bibliofilo accanito, lavoro in un Parco Naturale

2 pensieri riguardo “Interrogativi senza risposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...