Pubblicato in: Libri

Riassuntino di fine anno

Finisce l’anno, è tempo di tirare le somme. Nel 2012 ho letto 49 libri. Grazie ad Anobii posso ordinarli in base al giudizio che ho assegnato a ciascuno. Come già detto in questo Blog, leggo quasi solo libri scritti sino al 1933: la mia classifica quindi non è relativa a novità editoriali. Spero possa ugualmente essere di stimolo a qualcuno. Eccola: Class2012

La delusione maggiore è stata forse Saroyan. Non che mi aspettassi moltissimo, ma ho trovato un autore veramente sconcertante, che descrive il piccolo mondo rurale americano come culla di buoni sentimenti, dove basta un po’ di ottimismo e l’accettazione del proprio ruolo sociale per essere felici. Anche la Berberova de La sovrana non mi ha dato molto, considerando le potenzialità della storia.

Tra i libri che mi sono piaciuti di più ci sono ovvii capolavori (Balzac, Mann, Stendhal, Baudelaire, Turgenev) ma vorrei in particolare segnalarne due: Jusep Torres Campalans di Aub e Il cielo è dei violenti di Flannery O’Connor: quest’ultimo in particolare fa da contraltare allo sdolcinato ottimismo di Saroyan, restituendoci l’angoscia e la disgregazione dei valori dell’America profonda.

Di tutti i libri che ho letto si possono trovare le mie recensioni qui (Alcune le duplico su questo Blog).

Annunci

Autore:

Bibliofilo accanito, lavoro in un Parco Naturale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...